Il reportage: Campus della Musica 2019

Breaking Edition

Alla musica cantautorale italiana sono rimaste poche situazioni veramente genuine, animate dalla passione per la musica ma soprattutto della creatività. Partecipando al Campus della musica abbiamo la fortuna di immergersi in una di queste rare occasioni, motivo per cui ci sembra doverosa la cronaca delle attività di una due giorni preziosa, anzi preziosissima per quanti si nutrono di musica e in questo ambito cercano orientamento. Conoscere la produzione musicale di un artista non è conoscere il suo mondo, ascoltare la sua musica in una condizione informale e nella stessa conversare con lui permette di comprendere molto di più non solo dell’artista stesso ma di tutto il panorama discografico attuale. Siamo a Firenze nel contesto dell’Estate Fiorentina che si chiude con l’ultimo fine settimana di Ottobre e ci racconta la direttrice esecutiva Carmen Fernandez : – “in una location diversa rispetto alle precedenti edizioni. Ad ospitare il Campus della Musica 2019 è la Manifattura Tabacchi, l’ambiente e raccolto ma molto accogliente”. L’evento permette confronto e relazione tra i big della musica italiana ed i cantautori di nuova generazione, gratis, per gli artisti selezionati dalla direzione artistica che godono di un progetto ampio, la mission è curare e guidare alla consapevolezza della propria musica attraverso la formazione, la gestione e lo sviluppo del talento, valorizzando la lingua italiana nella musica. Nel programma del campus il presidente e direttore artistico del Campus Claudio Fabi, scrive:[…] un resoconto rapido della nostra attività dall’ultimo evento di ottobre 2018: sei mesi di tour nazionale per i nostri artisti, firma della convenzione con la Fondazione Teatro Studio di Scandicci, preparazione dei sette progetti singoli che pubblicheremo nell’arco di un anno a partire da novembre prossimo, registrazione di venticinque video live dei nostri artisti, in più: concerti, master class, prove e incontri one to one. Un anno di lavoro si chiude per farne partire un altro dopo queste due giornate[…]” Un grande lavoro quindi, una passione autentica ed una grande umanità, persone che amano profondamente la musica e che ogni partecipante passato e presente non manca di sottolineare e di ringraziare. Collaborano alla buona riuscita del Campus: Simone Fragai (coordinamento generale), Elena Belokonova (progetto grafico), Jampa Campolongo (responsabile cantiere autori), Alberto Checcacci (reponsabile tecnico 2019). Collaborano partener e sponsor, in primis il Comune di Firenze, Siae, Unicoopfirenze, fruttital, Aglietti, Autoeur Brandini e Manifattura Tabacchi che lo ospita Apre la prima giornata il chitarrista fingerstyle Filippo Ciampi seguono il workshop di Maurzio Lombardi dal titolo: “Presenza Scenica: la comunicazione verbale e non verbale” e quello di Francesca Pagnini:”l’efficace promozione degli artisti sui social:i contenuti”. Presentazione degli artisti del Campus: Niàn e Ginevra Casperini.

Seguono gli interventi di Fulminacci, Bobo Rondelli e Marco Masini.

di T.E.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *