Intraprendere col cinema nella rotta del destino.

di Paolo Cavaleri

Intraprendere col cinema nella rotta del destino.

Cari lettori, avventurandoci nei mondi dei film già argomentati qua



…e qua, abbiamo potuto affrontare dei temi.

Tuttavia, è possibile che nei percorsi di vita, possa venir meno quell’impulso al fare, quella necessità che a seconda dei contesti può rivelarsi vitale.
Suggerisco una umana qualità, quella cosa che tutti abbiamo ma che, nel vivere comune, può assopirsi per un acquietamento dello spirito .
Il “mare” della vita ci obbliga a delle scelte e con questa dote risorgere si può: l’intraprendenza .
Essa porta a un’evoluzione, un cambiamento necessario e imposto da un fatto esterno .

Dalla lista seguente

Sbucato dal passato 1999 – Hugh Wilson
Cast Away 2000 – Robert Zemeckis
Cast Away on the moon 2009 – Lee Hae-Jun
The Terminal 2004 – Steven Spielberg
Forrest Gump 1994 – Robert Zemeckis
Mowgli 1994 – Stephen Sommers
Vita di Pi 2012 – Ang Lee
WALL:E 2008 – Andrew Stanton
Jerry Maguire 1996 – Cameron Crowe
Jumanji 1995 – Joe Johnston

due storie per voi, due storie per capire che l’intraprendenza è il soffio per la vela nella rotta del destino controvento .

Vita di Pi :

Una boccata d’acqua non farà mai male a nessuno … ma il panico si

                 



Piscine Molitor Patel, chiamato da tutti Pi, è un giovane uomo di etnia indiana che vive in Canada. Nella sua dimora viene a fargli visita uno scrittore. Egli è alla ricerca di ispirazione e ha saputo che Pi ha una grande storia da raccontare.
Il flashback incomincia quando Patel nasce in India, sua terra d’origine: figlio di un astuto uomo d’affari e una raffinata botanica ha un fratello maggiore. Studente brillante e curioso ha molti interessi fra cui gli animali dello zoo di famiglia e una passione per le religioni:

 – “esistono trentatré milioni di dei nella nostra religione quindi devo conoscerne qualcuno per forza, Krishna, Hanuman, Ganesh, Vishnu” – .
 
Pi si interessa a molto di più che a una sola credenza induista. Guarda con curiosità anche al cristianesimo e all’ Islam. La sua non è mancanza di rispetto, cerca se stesso nei miti dell’uomo, non a caso, allo scrittore confida che per lui

-“ la fede è una casa con molte stanze, anche per il dubbio”- .
 
Il padre, fortemente razionale, rimprovera al piccolo Pi di essere troppo spirituale e non manca mai di ricordargli di usare la testa. Egli darà al figlio un grande insegnamento: gli animali, nonostante la loro famiglia pratichi il vegetarianismo, non sono amici dell’uomo. Si riferisce in particolare alla nuova recluta dello zoo, Richard Parker, una giovane tigre del Bengala che sotto gli occhi del ragazzo, uccide una capra.  Passano gli anni, cresce inquieto alla ricerca di un senso dell’esistenza. Costretto a lasciare Anandi, suo primo vero amore, andrà con la famiglia in Canada per intraprendere una nuova vita con migliori prospettive economiche. Ma il destino gioca le sue carte: dopo quattro giorni di navigazione, una tempesta, affonda la nave del ragazzo.
Si salva perché, incuriosito dal rumore dei tuoni, esce dalla cabina. La fatalità colpisce tutto l’equipaggio e lui si ritroverà su una scialuppa di salvataggio con quattro degli animali dello zoo di famiglia.
La scimmia, la zebra, la iena e Richard Parker. Nascosta sotto il telo dell’imbarcazione diverrà l’unica compagna di disavventure del piccolo Pi.
Disperso nell’oceano pacifico, un ragazzino indiano vegetariano dovrà convivere per sopravvivere con una tigre del Bengala.  

-“metti in ordine le tue cose e preparati alla battaglia per la sopravvivenza, stabilisci un rigido piano per mangiare, stare di guardia e riposare, non bere urina o acqua di mare. Tieniti occupato ma evita sforzi non necessari. Soprattutto non perdere la speranza”- .

L’Intraprendenza sarà un nuovo comandamento per Pi. Le lezioni del padre d’ora in poi saranno vitali.

Cast Away :

Il tempo ci domina senza pietà, noncurante se siamo in salute o ammalati, affamati o ubriachi, russi o americani o … abitanti di Marte. E come il fuoco può distruggerci o riscaldarci perciò ogni Fed-Ex ha un orologio, perché viviamo o moriamo in base all’orologio non gli voltiamo mai le spalle e mai e poi mai ci permettiamo il peccato di perdere di vista il tempo
”.


 
Chuck Noland è un dirigente della FedEx, una delle più grandi aziende di spedizione americane. La sua vita è appagante: grandi risultati, gestione di un vasto team di stimati colleghi e, un roseo futuro con la sua fidanzata Kelly. Il caso vuole che nel periodo di vacanze natalizio debba partire per lavoro. Così, salutata la sua amata con una chiara proposta di matrimonio, prende l’aereo.
Cambiando rotta per delle turbolenze in pieno oceano causa una mancanza di segnale, l’aereo precipita.
Chuck si ritrova naufrago in un isola sconosciuta. Nessun sopravvissuto.
Da uomo maturo cerca di orientarsi come meglio può. Il suo cercapersone bagnato, il messaggio di aiuto scritto a grandi caratteri sulla spiaggia, e poi mangiato dalle onde al mattino dopo, cominciano a fargli prendere consapevolezza che la permanenza potrebbe essere più lunga del previsto. Un barlume di speranza gli arriva quando trova il corpo di uno dei piloti. Credendolo vivo andrà in aiuto ma ormai morto lo seppellirà.
E così, con dei pacchi della fedelissima azienda FedEx, sbattuti sulla spiaggia come lui, dovrà sopravvivere.

  – “ c’è nessuno … aiuto, aiuto ”- .

Intraprende per la fame, sceglie una grotta per dormire, beve acqua piovana dalle foglie, e come unico umano in una flora esotica, costruisce una nuova esistenza.
Ferito a una gamba dal velenoso corallo per arrivare a dei soccorsi visibili alla luce dell’alba, si attrezza per accendere il fuoco.
Passati quattro anni è Kelly la sua unica ragione di vita, e in compagnia del suo bizzarro amico Wilson, adattato alla natura selvaggia, un giorno, sembra prospettarsi una via di fuga .

– “ potrebbe funzionare ”- .


Guarda Osserva Comprendi
 
Pi è uno studente brillante, giovane, curioso e soprattutto intraprendente. A scuola viene additato come “piscione” da compagni di classe e insegnanti. Si mette subito all’opera per farsi valere e il primo giorno di scuola dell’anno seguente, alla lezione di matematica ricordando a memoria la serie dei numeri del Pi greco
( 3,14 ), diviene Pi Pathel
 –“Alla fine della giornata io ero Pi Pathel , la leggenda della scuola”- .
Perduta la sua famiglia, rimane l’unico umano circondato dalla natura più ostile e cruda: l’oceano. Dovrà  rinunciare ai nobili principi del vegetarianismo nutrendosi di pesci, non solo, ammaestrerà la tigre per la condivisione dell’unica terra galleggiate in balia delle maree. Le tigri sono ottime nuotatrici e dovrà procacciarsi qualcosa per non essere il prossimo pasto .
-“ Non posso rischiare la vita ogni volta che devo salire sulla barca per le provviste, bisogna trovare una soluzione, se dobbiamo convivere bisogna imparare a comunicare ” – .

Vita di Pi per la regia di Ang Lee del 2012, basato sul romanzo di Yann Martel è un film unico, singolare e audace. Definito dal TIME “Il nuovo Avatar”, è vincitore di quattro premi Oscar per la miglior regia, fotografia, colonna sonora ed effetti speciali. Due BAFTA per miglior fotografia ed effetti speciali e ancora, film dell’anno per l’AFI (American Film Institute Awards). Altri premi si aggiungono come per altro le nomination.

Chuck è un americano dalla vita ordinaria, gran lavoratore e coach di un ampio organico da gestire. Se l’intraprendenza è una sua qualità dovrà espanderla al massimo per sopravvivere:
Tenterà un contatto con dei possibili soccorsi fallendo, beve latte di cocco e succhia le chele dei granchi uccisi con degli utensili in legno. Capito di essere completamente isolato e ferito, diviene il piccolo Prometeo del genere umano: col fuoco può cuocere i pesci, riscaldarsi e anche mandare dei segnali di aiuto.
Comunica con Wilson, un pallone di cuoio, per esprimere i suoi dubbi e pensieri. Troverà un grande pezzo di plastica e immaginandola come vela per una possibile zattera comincia a calcolare:
-“ Oggi siamo qui, questo ci da’ un altro mese e mezzo prima di arrivare a marzo e aprile quando sono migliori le probabilità di alta marea e di venti da terra . Ci servono 424 piedi di fune arrotondiamo a 475, se produciamo una media di quindici piedi al giorno, in più dobbiamo montarla, rifornirla, dobbiamo calarla … ” – . Lasciatosi alle spalle la sua prima vita ordinaria, intraprende per continuare la seconda, quella del naufrago.
-“ e adesso so cosa devo fare, devo continuare a respirare perché domani il sole sorgerà …
e chissà la marea cosa può portare
”- .

Cast Away del 2000 vede la seconda collaborazione tra Zemeckis e Hanks in un film forte, temprante e sorprendente. Tom Hanks vincitore di un Golden Globes come migliore attore in un film drammatico, sfiora l’Oscar come miglior protagonista, poi andato a Russell Crowe per Il Gladiatore. Opera che rievoca Il Robinson Crusoe di Daniel Defoe, Cast Away stupisce per una delle sue caratteristiche maggiori: assenza di musica per la maggior parte del film, in modo tale che il rumore della pioggia e le chiacchierate del protagonista con Wilson possano accompagnare l’idea della solitudine. Per questo porta a casa anche un Critics Choice Movie Awards per il miglior oggetto inanimato. Musica del compositore Alan Silvestri. Il film ha ispirato la serie TV americana Lost del 2004.


Buona Visione

Pi e Chuck perdono i loro affetti più grandi e nonostante abbiano età diverse, i traumi in queste storie sono indelebili. Ma è intraprendendo che hanno la forza di attraversare quei dolori del cuore, orientando la mente verso una strada diversa per divenire più forti. L’intraprendenza garantisce la sopravvivenza e se attuata con costanza porta a un’esistenza migliore.
Adesso lasciamo che la mente si adoperi per costruire la strada a noi più desiderata per dei progetti di vita più armoniosi, perché come dice Pi:

-“ … io penso che alla fine tutta la vita non sia altro che un atto di separazione … ” –

Starà a noi unire .
                                                                     



                                                                      .                                            

Condividere è conoscere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *